Pernice

La pernice rossa (Alectoris rufa Linnaeus, 1758), è un uccello della famiglia dei Phasianidae.

Areale di diffusione

La Pernice Rossa è una specie prettamente europea, diffusa in Francia (compresa la Corsica), Spagna, Portogallo, Italia. Alla fine del 18° secolo è stata introdotta anche in Gran Bretagna, importata poi nelle isole Azzorre, Canarie, Baleari e a Madeira, mentre è ormai estinta in Germania occidentale. Similmente ad altri fasianidi, in parte per la pressione venatoria, in parte per la modifica degli ecosistemi agricoli, negli ultimi decenni c?è stata una restrizione della grandezza degli areali di distribuzione per questa specie selvatica. La popolazione più sostanziosa a livello numerico si trova nella penisola iberica. In Italia è presente in Piemonte, Lombardia, Liguria, Emilia Romagna e Toscana, compresa l?Elba.

Caratteri distintivi:

La Pernice Rossa è un volatile dall?aspetto rotondeggiante, di dimensioni medie e corporatura robusta, facilmente confondibile con la Starna, soprattutto nel piumaggio giovanile, ma distinta da essa per la colorazione più uniforme delle parti dorsali. La lunghezza è abbastanza contenuta, dai 30 ai 35 cm, l?apertura alare è di circa 50-55 cm. Il peso raggiunto può essere di 450-600 gr nel maschio, la femmina risulta lievemente più leggera. Gli adulti presentano becco rosso, piuttosto corto, tozzo e arcuato verso il basso; rosse sono anche le zampe che, nel maschio, raramente nella femmina, presentano sperone.

Pernice rossa

La coda e le ali sono piuttosto corte e arrotondate. In entrambi i sessi, il piumaggio sfuma da un bruno oliva delle parti superiori ad un giallo cenere delle parti ventrali. Presenta un collare nero che, nella zona inferiore del collo, si restringe in una fascia spruzzata di nero. I fianchi grigi sono barrati di bianco, nero e castano. Durante il volo si rendono visibili le penne timoniere rosse. La testa è grigia-marrone, dorsalmente castana e con caratteristiche sopracciglia bianche che si prolungano in una striscia oculare nera che prosegue fino al collarino, picchiettato anch?esso di nero.

Habitat

La Pernice Rossa condivide parzialmente il proprio habitat con la starna, soprattutto come conseguenza delle immissioni a carattere venatorio che sono state effettuate nei medesimi territori. E? un volatile che predilige le zone aperte e cespugliose, siano esse terreni coltivati o zone incolte con radi arbusti. Ama i climi soleggiati e secchi, ma risulta essere una specie piuttosto adattabile. Preferisce sostare a terra, anche se si appollaia con una certa frequenza su alberi, pali, tetti che rappresentano un luogo d?osservazione ideale. Può talvolta errare fino a quote piuttosto elevate.

Biologia:

La Pernice Rossa è un volatile stanziale, con un richiamo territoriale molto caratteristico costituito da suoni grattati, a volte emessi in rapida sequenza, soprattutto all?alba e al tramonto. E? un animale molto sospettoso che, fatta eccezione per il periodo della cova, conduce vita gregaria. Generalmente risulta un soggetto terragnolo, che pedina rapidamente e che solo raramente spicca il volo in condizioni d?estremo pericolo. Quando è costretta a volare, il suo frullo è piuttosto rumoroso e seguito da un volo rapido ed elegante, di solito condotto a modica altezza. La notte viene trascorsa a terra, al riparo tra la fitta vegetazione, mente il pasto è effettuato di mattina e nel tardo pomeriggio.

Riproduzione

La stagione riproduttiva ha inizio più o meno ad Aprile, quando i maschi cominciano a ribadire, scontrandosi, il possesso dei territori; generalmente le sfide non sono particolarmente cruente e i soggetti ne escono solitamente indenni. A fine Aprile comincia la formazione delle coppie di questa specie strettamente monogama. La nidificazione avviene a terra, in una depressione del terreno tappezzata d?erbe e foglie, al margine di un bosco o di un cespuglio. La deposizione delle uova avviene a Maggio, e consta di 8-16 uova di colore bianco-giallastro, con macchie brune e grigie che le mimetizzano. Mentre il maschio vigila sul territorio circostante, la femmina cova per circa 23-24 giorni al termine dei quali nascono pulcini già in grado di lasciare il nido subito dopo la schiusa. La capacità di volare viene acquisita dopo qualche settimana di vita, momento in cui avviene lo svezzamento da una dieta costituita puramente di larve e adulti d?insetti e d?altri piccoli invertebrati. La deposizione avviene, di solito, una volta all?anno.

Alimentazione

L'alimentazione dell?adulto è costituita in prevalenza da un?ampia varietà di semi e parti verdi di piante erbacee spontanee e coltivate, con preferenza per i cereali, ma in Primavera la dieta viene integrata con insetti, ragni e altri invertebrati di piccole dimensioni.

Galleria

Valutazione

Il tuo voto
Numero voti
150
Numero letture
500.000
4.8
Voto totale
Thanks! Your subscription
has been successfully issued
Error occurred